RaspberryPi, le basi: accesso remoto al Desktop. #6


Informatica / mercoledì, Aprile 1st, 2020

Ormai siamo alla sesta parte della rubrica “RaspberryPI, le basi” , spero vi stia tornando utile, che ne dite?

Desktop  remoto

Oggi parliamo di una cosa che personalmente con RaspberryPi non uso di norma, ma in alcuni casi è necessaria, la connessione remota al desktop o X11 per gli amici.

Sento già gli “esperti” scuotere la testa, eh eh eh… pazienza.

Molte persone hanno esigenza, o si trovano a lavorare più agilmente con un ambiente grafico, la cosa fantastica di linux è che da sempre si installa a discrezione dell’utente.

Raspbian Buster Full, che sto usando sul mio RaspberryPi 3B, usa un interfaccia desktop chiamata Pixel . Scegliendo l’installazione  Raspbian Full verrà avviata l’interfaccia grafica in automatico, in alternativa tramite

sudo raspi-config

potrai selezionare successivamente con che modalità avviarsi, se console o desktop.

X11 Forwarding

Io di norma lavoro tramite ssh da remoto, a volte apro solo una porta inoltrata tramite una regola di port forwarding nel router, ma qualche volta devo anche accedere al pannello web di qualche dispositivo nella rete remota, che sia stampanti, router o stampanti 3D, ma come fare?

Per fortuna, dal mio Windows 10, MobaxTerm Free permette, tramite ssh, l’inoltro di X11.

X11-Forwarding è fantastico, in poche parole tramite una semplice connessione ssh, “disegna” in locale la singola schermata di un software remoto, o l’intera interfaccia desktop. Il vantaggio è che apro comunque una sola porta nel firewall. Ha lo svantaggio però che è molto più lenta delle connessioni dedicate come vnc, ma nel mio caso, essendo raro, va più che bene.

Per utilizzarlo copia i parametri visti qui sopra, dove ovviamente host, porta e utente andranno editati.

VNC

Nel caso tu avessi bisogno invece di lavorare bene sulle applicazioni desktop, entra in gioco il server vnc preinstallato.

Attivare vnc in Raspbian è semplice e si può fare in due modi.

  • tramite shell, digita
    sudo raspi-config
    , cerca la sezione
vnc

Come avrai notato dal menu

raspi-config
, è precisato che tu debba usare RealVnc, se tu provassi con altri software, incapperesti in probabili errori, come nel caso di MobaXTerm.

RealVnc ha un vnc viewer gratuito adatto per i nostri scopi, vediamo come usarlo.

  • scarichiamo la versione per il nostro sistema operativo, dal sito RealVnc.
  • Dal menu File, selezioniamo “new connection”.
  • Nelle voci VNC Server e Name, selezioniamo quelli corretti in base al vostro ip pubblico o ddns, nel mio caso uso sempre duckdns.org.
  • Labels, Encryption e tutte le altre opzioni si possono lasciare di default.
  • Perfetto, avremo la nostra icona pronta per connetterci alla massima velocità al nostro RaspberryPi.
  • Ti ricordo che se devi accedervi da remoto, va configurato sul router un port forwarding della porta TCP 5900 verso il RaspberryPi, aperte le porte nel firewall, impostata una password super sicura, e assegnato un ip fisso al raspberrypi.
  • In alternativa, tramite l’autenticazione con un account realvnc, il punto 6 si può evitare, perché forniranno il tunnel in automatico.
  • Per attivare vnc cloud, dal VNC  Server, icona vicino all’orologio del RaspberryPi, troverai la voce licensing dove attivare la licenza preferita.
  • Per maggiori dettagli rimando alla guida RealVnc.
  • Verrà attivata la licenza Home, con un massimo di 5 dispositivi gratuiti. Confermiano l’attivazione tramite l’email appena ricevuta (se non visualizzate niente, è colpa di chrome, provate Firefox)
  • Nel Vnc viewer inserite utente e password e gratuitamente avrete accesso semplificato ai vostri 5 dispositivi.

In caso di problemi verifica la guida al Troubleshooting , ma come primo test, domandatevi, avete avviato l’interfaccia grafica tramite

raspi-config
o
startx &
?

Buon divertimento e seguiteci per non perdere i prossimi capitoli della rubrica “RaspberryPi, le basi” .

I dispositivi che ho provato negli anni